giovedì 11 gennaio 2007

Chi è il NIC?

Leggendo il commento di Francesco, che riporto in seguito, ho deciso di illustrare meglio a tutti chi è il NIC. Il commento era:

La LAR e' una complicazione fatta apposta per ostacolare lo sviluppo di provider indipendenti. Non vanno solo cambiate le procedure del NIC, BISOGNA ELIMINARE IL MONOPOLIO DEI DOMINI E L'AUTOPROCLAMATOSI GESTORE. In america il monopolio di INTERNIC a durato pochi anni, da allora si e' creato il mercato libero che tutti non conosciamo ed usiamo, in Italia il NIC esiste ancora e dovremmo combattere per togliergli il monopolio magari insieme a quello di Telecom.


Chi è il NIC?
l Registro del ccTLD ".it" è responsabile dell'assegnazione dei nomi a dominio nel country code Top Level Domain "it" (ISO 3166). Il Registro ha il compito di gestire i registri operativi del Top Level Domain "it". Le modalità operative generali e le norme ("Regolamento") in base alle quali il Registro opera sono definite dalla Commissione Regole. Oltre che per la gestione del ccTLD .it (nomi a dominio conformemente allo standard Internet RFC822), il Registro è anche responsabile delle attività relative all'assegnazione di nomi definiti da altri standard (ITU X.400, ITU X.500). Le attività del Registro sono svolte dall'Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IIT-CNR).



Chi è l'Istituto di Informatica e Telematica?
L' Istituto di Informatica e Telematica (IIT) è divenuto operativo il 1 marzo 2002 a seguito della fusione di due istituti del CNR: L' Istituto per le Applicazioni Telematiche e l'Istituto di Matematica Computazionale. Lo IIT, che ha sede presso l'Area di ricerca del CNR di Pisa, riveste un ruolo unico ed altamente strategico nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

[fonte]

Chi è il CNR?
l Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è Ente pubblico nazionale con il compito di svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese. Un obiettivo che l'Ente vuole perseguire, dopo la riforma attuata con il decreto legislativo N.127 del 4 giugno 2003, alla luce di una missione ambiziosa: rappresentare una risorsa da valorizzare per lo sviluppo socio - economico del Paese. Alla base, il convincimento che l'attività di ricerca e sviluppo, determinante per la competitività del sistema economico nazionale, possa generare nuova occupazione, maggior benessere e maggiore coesione sociale.



Chi è il NIC?
Il NIC è praticamente un ente statale! Sono forniti tutti i riferimenti online per approfondire i ruoli di ogni nome citato.

4 commenti:

Francesco ha detto...

Non capisco la precisazione.
Spero sia per il pubblico che non conosce la materia, chi ci lavora sa' benissimo di chi parliamo.
Se poi dici che e' un'ente statale allora forse concordi con me che si tratta di monopolio.

Merlinox ha detto...

Trovo corretto che un sito di sensibilizzazione permetta al numero maggiore possibile di capire la problematica. Oltre tutto nella maggior parte dei casi la LAR è un documento fatta e inviato dai clienti finali: sarebbe prassi corretta registrare i domini sempre a nome loro.

E' comunque importante dire che il NIC è o dipende direttamente dallo stato!

p.s.: ho trovato gente del settore che faceva le procedure ma non si è mai posta il problema di chi è il NIC.

Anonimo ha detto...

L'ultima volta che ho registrato un .it ho dovuto spiegare per filo e per segno la mia posizione fiscale, come si fa con i bambini perchè al NIC non capiscono (o non conoscono) la differenza tra una ditta individuale e un libero professionista. Ho dovuto farli chiamare dall'Agenzia delle Entrate della mia città! E dire che li manteniamo noi con i nostri soldi!!!

Anonimo ha detto...

Se dite che è un monopolio e che ci vorrebbe il "libero mercato" vuol dire che non conoscete *minimamente* come funziona il DNS. Vi faccio notare che il registro per i .net e i .com esiste e si chiama Verisign. Anche Verisign è un "monopolista".