venerdì 5 gennaio 2007

NIC: procedure obsolete da cambiare

Le procedure di registrazione / trasferimento dei domini italiani (.it) sono assolutamente obsolete e assurde. Il fatto che per qualsiasi cosa sia necessario mandare un fax è contro qualsiasi tendenza d'innovazione della nazione italiana.
Senza contare il tempo di redigere il documento, farlo firmare, inviarlo.
Spesso le linee fax del NIC (Network Information Center per l'Italia = L'ente che regola le procedure di registrazione dei domini .it) sono occupate o non funzionanti.

Il fax poi deve essere analizzato da NIC, verificate le firme... insomma tempo perso continuamente. Essendo il tempo = denaro anche soldi buttati al vento.
Ma è possibile che per registrare un .com, un .net o un .eu ci vogliano veramente pochi minuti e nel giro di qualche ora il sito è online? E' possibile che vengano respinti fax corretti per mancanza di firme 4-5-6 volte?

Sono proprio necessarie queste assurde procudere nel 2006?
La sicurezza delle stesse non esiste: la contraffazione di un fax è molto più banale, che leggere la mail di un ADMIN-C che non è cului che vuole effettuare modifiche la dominio!

Chiedo quindi a voi lettori di esprimere la vostra opinione in merito, commentando questo post aperto e inserendo le vostre ragioni di dissenso.
Divulghiamo il sito e il bannerino allegato e mettiamolo sui nostri siti... prima o poi si accorgeranno di noi!

Per aggiungere il bannerino nel vostro sito salvatevi l'immagine e linkatela a questo blog oppure copiate il seguente codice:



Dai che ce la facciamo!

25 commenti:

Merlinox ha detto...

Apro io le danze.
E' la quinta volta che mi bocciano una LAR. Mi appresto ad inviare la sesta.
Motivi:
- mancano le firme
- indirizzo azienda non completo

Oltre alla via, al civico, al cap, alla città cosa ci devo mettere?

Napolux ha detto...

A me una lar è stata bocciata ben 3 volte...

Ci ho messo quasi 10gg per poter attivare un dominio!

*pepperyna ha detto...

Avete tutto il mio appoggio.
Secondo me il fax è roba giurassica e lenta!!!Io non lo so nemmeno usare!!!
Quando dovo mandare fax alla Lar delego il compito a qualche vecchietto... :D

Anonimo ha detto...

ci sono dei modelli da rispettare, non si usa scrivere a "stile libero".
Se fai cosi neanche fra 50 anni ti approveranno la lar.
Vai sul sito del Nic e precisamente all'indirizzo: http://www.nic.it/RA/domini/lettere_ar.html e troverai la lar precompilata, usa quel modello e ti andrà bene.
Riguardo al tema in questione, concordo sul fatto che le procedure sono obsolete e, in generale condivido quanto affermato dall'autore, ma devo fare un appunto: nessuno è obbligato a rivolgersi al nic, può tranquillamente rivolgersi ad altri ccTLD.
Insomma non è che bisogna essere costretti per forza a registrare domini it.
In ogni caso per quanto non ufficiale, è previsto nei prossimi tempi (sono certo che non saranno brevi) l'abrogazione totale del fax.
Questo secondo quanto riferito da una fonte attendibile e comunque interna al nic.
Non resta che sperare in meglio e soprattutto sperare che i tempi biblici del nic per la registrazione di un dominio, non si ripercuotano anche per questa innovazione, sennò prima che sarà, passeranno altri 50 anni :)

Merlinox ha detto...

@anonimo: mi spiace molto tu ti sia firmato anonimo, mi piace chiamare le persone con il loro nome / nickname.

Per quanto riguarda il modello usato, purtroppo sono 11 anni che faccio questo lavoro, e 11 anni che mando LAR.
Senza contare che per alcuni anni lavoravo in un'azienda che era mainteiner.

Il fax è LENTO!

silvicius ha detto...

Quoto Merlinox.

Tanto vale usare il telegrafo... :-D

Silvicius ha detto...

Aggiunto il bannerino al sito e fatto un post per segnalare il blog! ;-)

amadeus ha detto...

Anche io mi aggiungo volentieri alla lista.
E' una cosa veramente fastidiosa e soprattutto di un'arretratezza tecnologica disarmante. Penso che in alcuni paesi del terzo e del quarto mondo, per registrre i domini nazionali, la procedura sia più avanzata della nostra...

rex59 ha detto...

è già da un bel pezzo che non faccio più registrare domini .it ai miei clienti.
pensavo di essere l'unico ad essere scocciato di questa burocrazia italiota.

ma vogliamo scherzare!? il fax...ma perchè non chiedono un manoscritto in carta pergamena da recapitare con un corriere a cavallo!!!

comunque continuerò a non registrare .it

Merlinox ha detto...

@rex59: la ritieni una soluzione? anche solo per la tutela del nome?

Non voglio criticare le tue scelte, ma rafforzare ancora di più quanto queste procedure in un modo o nell'altro condizionano le nostre abitudini e il nostro modo di lavorare.

BarbeRouge ha detto...

L'iniziativa mi sembra buona, ma mi girano i co**** se quando firmo una petizione, uno mi chiede denaro per sostenere la causa della democrazia su internet. Se non fosse che lo stesso problema con il NIC (acronimo scelto perchè foneticamente uguale al francese "nique" dal verbo niquer ?), non avrei firmato. Quindi auguriamoci che l'iniziativa possa cambiare qualcosa. Intanto inserisco il link sulla mia home page.

Merlinox ha detto...

@BarbeRouge: so che il servizio chiede un obolo, però si può saltare.
Al momento è il miglior servizio disponibile online gratuitamente che ho trovato in fretta e furia.

Agemini ha detto...

Oltre alla lentezza del Fax ci si mette anche l'errore umano: non dimentichiamo che le persone che verificano le nostre LAR sono, appunto, persone. Mi è capitato di vedermi rifiutata una LAR ben 5 volte prima che si accorgessero che il Codice Fiscale del mio cliente (intestatario del dominio/colui che richiedeva il cambio mantainer del dominio) era corretto e non errato come sostenevano ripetutamente.
Non so se è capitato anche a voi ma questo succede quando una persona ha più nomi (es.: Alberto Maria Francesco) e la procedura di registrazione viene effettuata da un "collega maldestro" che invece di richiedere il codice fiscale esatto al cliente cerca di ricavarselo con quei programmini o servizi sparsi per il web (chi non lo fa?!).
Quando richiedi il trasferimento del dominio o il cambio mantainer, visto che dal Whois risultano solo i primi 2 nomi dell'intestatario oltre a cognome, se compili la LAR inserendo il reale codice fiscale del richiedente, la LAR viene rifiutata perché, come è giusto che sia, non corrisponde al codice fiscale della persona che lo ha registrato la prima volta. Se cerchi di ricavarlo risulterà sempre errato perché hai soltanto i primi 2 nomi a disposizione visualizzati dal Whois del dominio.
Per risolvere bisogna inviare (via fax) una lettere che spiega la situazione, allegando documenti e firme del richiedente.

Anonimo ha detto...

questi del nic sono troppo dei precisetti, approvo in pieno la vostra battaglia che faccio anche mia, forza ragazzi !!!

il Sasà ha detto...

perchè non fai una petizione da questo sito?


http://petitiononline.com/

Merlinox ha detto...

@il Sasà: l'avevo fatta li la prima ma la gestione era scandalosa. Questa tecnicamente e molto molto meglio.

Luca ha detto...

E' Solo una vergogna al giorno d'oggi siamo i piu arretrati e con il fatto che c voglion diversi fax prima di riuscire a registrare un dominio scoraggia l'acquisto di domini.it e poi la privacy coem la mettiamo? in altri paesi per i .com.net.org ad esempio ti puoi avvalere della protezione dei dati qui invece tutti possono vedere i tuoi dati alla faccia della privacy...
Luca

Merlinox ha detto...

@luca: e con tutte le prove da noi portate alla luce il direttore del NIC ci liquida con la risposta inviata a punto informatico e replicata qui.

Nella petizione abbiamo superato i 260!

Francesco ha detto...

La LAR e' una complicazione fatta apposta per ostacolare lo sviluppo di provider indipendenti.
Non vanno solo cambiate le procedure del NIC, BISOGNA ELIMINARE IL MONOPOLIO DEI DOMINI E L'AUTOPROCLAMATOSI GESTORE.
In america il monopolio di INTERNIC a durato pochi anni, da allora si e' creato il mercato libero che tutti non conosciamo ed usiamo, in Italia il NIC esiste ancora e dovremmo combattere per togliergli il monopolio magari insieme a quello di Telecom.

Luigi ha detto...

La media di invio è di 4 fax ogni dominio se tutto va bene oltre al fatto che c'è un unico numero ovviamente spesso occupato. Inoltre devono avere un fax obsoleto perchè bisogna ingrandire il testo che risulta sempre illeggibile per loro. Se non è propro necessario registriamo i .com
L'Italia è il paese della carta...

crptr ha detto...

Purtroppo credo che loro vogliano il fax non per evitare contraffazioni ecc., in quanto un fax è la cosa più ovvia e facile da falsificare volendo, ma per mettersi a posto e scaricarsi nei confronti della legge, in quanto il fax appunto a norma di legge equivale ad una lettera.

Anonimo ha detto...

In Albania siamo molto piu avanti basta una mail per registrare un axienda oppure un sito personale

c'è troppa burocrazia 10 persone a Pisa che vivono di questo.

ha ragione berlusca

Maria Rosa Cristaldi ha detto...

'nculo al nic

Marietto ha detto...

ancora oggi nel 2009 non è possibile che per fare un trasferimento tra mantainer ci vogliano più di 2 giorni!!!
è inaccettabile!

Merlinox ha detto...

Ieri sera parlavo con un amico tecnico, anche lui da anni nel web, e mi confermava che anche il cambio di admin-c è diventata una lunga procedura.